La divisione cellulare

Abbiamo precedentemente analizzato le varie parti di una cellula sia animale che vegetale ma una cosa importantissima è la divisione cellulare che ci permette di crescere , riprodurci e rigenerare .

Si parte da una cellula detta madre e il processo si suddivide poi in due fasi principali dette Fase I o interfase e Fase M.

 

 

 

Fase I

Composta da tre sottoparti:

 

  • G1 – Abbiamo una prima divisione degli “organelli” che compongono la nostra cellula , questi inizieranno a duplicarsi garantendo alla cellula figlia tutto ciò di cui necessita per sopravvivere.
  • S – A questo punto tutto si ferma perché avviene la divisione del DNA , compito molto delicato . Una proteina particolare detta DNA Polimerasi dividerà il doppio filamento di DNA per poi rigenerarlo ottenendo così due copie identiche , una delle quali da destinare alla figlia .
  •  G2 – Ultima parte , consiste nel completamento di G1 .

 

Qui segue una sorta di Check Point dove viene ricontrollata la fase I alla ricerca di eventuali errori che potrebbero causare il malfunzionamento della cellula figlia . In caso di problemi si procederà in due modi : se l’ errore è riparabile si ricomincia tutto partendo da G1 , se l’ errore è grave si procede con l’apoptosi una sorta di autodistruzione della cellula per evitare danni all’organismo.

 

Spero che la prima parte vi sia piaciuta , a breve scopriremo la Fase M molto importante e ricca di informazioni ….

Il giro della morte , cosa lo permette ?

Nella vita vi sarà capitato di vedere o provare un giro della morte , ad esempio nelle montagne russe, oggi voglio spiegarvi alcune importanti leggi della fisica che possono condizionare un finale spettacolare da uno catastrofico , nel caso ci vogliate provare 😉 ma attenzione , è molto rischioso !!

 

Il punto più difficile da affrontare è sicuramente la sommità , dove vi troverete a testa in giù ; in questo caso agisce una forza detta forza peso che equivale alla vostra massa moltiplicata per la forza di gravità ossia 9,8 metri al secondo .

 

Senza di questa il giro della morte sarebbe una passeggiata , potremo galleggiare nel vuoto , ma c’è un modo per sconfiggere questo nemico ossia la forza centrifuga che sperimentiamo in automobile o nelle montagne russe metre affrontiamo una curva , provando la sensazione di essere spinti verso       l’ esterno .

 

 

Forza peso:

 

dove m è la massa del corpo e g è l’accelerazione di gravità ( 9,8 metri al secondo ) .

 

Forza centrifuga:

 

dove m è la massa del corpo, v la sua velocità e R è il raggio della circonferenza che percorre.

In questo caso questa forza ci permette di restare attaccati alla struttura .

Velocità

 

Con la velocità possiamo calcolare se la forza centrifuga è maggiore della forza peso e saperere se sopravviveremo al giro della morte .

Come siamo nel profondo … La pianta.

La cellula è la parte fondamentale di ogni organismo vivente e come affrontato per l’ animale ( clicca qui ) oggi scopriremo il mattoncino che da la vita  alle piante ( molto simile a quello degli animali ma più complessa) :

 

Ogni cellula può essere paragonata ad una città

 

Immagine da : http://it.wikipedia.org/wiki/Cellula_vegetale

 

PARETE CELLULARE : si può paragonare ad una prima cinta muraria , molto più spessa e resistente è composta prevalentemente da cellulosa che da la forma . Questa parte rappresenta uno scudo rigido che protegge la cellula o in questo caso la nostra città , quando questa muore la parete cellulare diventa legno e , la parte ricoperta da citoplasma , vuota .

 

MEMBRANA : può essere paragonata ad una seconda cintamuraria della nostra città ed essere nominata in vari modi , membrana cellulare , membrana plasmatica e membrana citoplasmatica , si occcupa di dividere la cellula dal esterno , è costituita da un doppio strato di fosfolipidi che le garantiscono una resistenza all’ acqua diventando così idrofilica . Fortunatamente il nostro muro è dotato di porte che permettono l’entrata delle sostanze nutritive .

 

 

NUCLEO: è la residenza del re , il castello , anche esso protetto da un doppio stato di fosfolipidi per difendere il DNA .

 

 

DNA: è il re , la massima autorità ma non esce mai dalla propria casa , il nucleo , per evitare danneggiamenti che ucciderebbero la cellula o la trasformerebbero in tumore .

 

CLOROPLASTI: per mezzo della clorofilla permettono alla pianta di effettuare la fotosintesi clorofiliana .

 

CITOPLASMA: è tutto cio che sta all’ esterno del nucleo ma dentro la mambrana .

 

RETICOLO ENDOPLASMATICO : è la fabbrica della nostra città , può essere ruvido ( perchè dotato di ribosomi , produce proteine) o liscio ( produce lipidi ).

 

 

VACUOLO: simile ad una grande sacca rappresenta un secondo magazzino adibito alla conservazione di acqua e sali .

 

APPARATO DI GOLGI : è il magazzino , si occupa quindi di immagazzinare le sostanze prodotte dai reticoli .

 

 

MITOCONDRI : sono le centrali che si occupano di produrre energia , ed il loro numero varia in base alla dimensione della cellula .

 

LISOSOMI : sono gli operatori ecologici dele nostra città , si occupano dello smaltimento degli organi malfunzionanti e ne reciclano i resti .

 

CITOSCHELETRO : si occupa di dare la forma alla cellula in base alla funzione che deve svolgere , neurone di forma allungata per la trasmissione di informazioni , globulo rosso a forma di disco per viaggiare nei capillari o epidermide a forma di mattone per costituire la pelle e proteggere l’ interno .

 

Ma ogni opera per rimanere in piedi necessita di una struttura solida : microbuli costituiscono le travi sulle quali si regge l’ intero rivestimento ossia la mambrana cellulare il tutto unito attraverso i microfilamenti .

L’ invenzione del cono …

Il cono gelato è un contenitore di forma conica , aperto alla base e fatto di una pasta commestibile di wafer o biscotto.

 

Immagine da :http://daily.wired.it/news/scienza/2011/12/15/cono-gelato-invenzione-italiana-italo-marchiony-16792.html

 

L’ invenzione ed il brevetto è di Italo Marchioni , nato in Italia ha concretizzato la sua invenzione a Washington D.C. e divenne ben presto famoso ed apprezzato in tutto il mondo .

 

 

Alcuni spunti , del brevetto , possono ritrovarsi in differenti occasioni : nel rinascimento cuochi italiani introducono l’ oste di pane e 1888 una prima forma di cono commestibile .

 

Infine il 13 settembre 1903 Italo Marchioni registrò il brevetto del cono gelato che ormai si vendeva dal 1896 in tutta l’ America . Si pensa che tale invenzione fosse dovuta al fatto che i gelati si vendevano su delle vaschette di vetro che spesso si rompevano o non venivano restituite .

 

Furono molte le persone che si opposero ritenendosi i veri inventori del cono  ma oramai l’ industria di coni gelato produceva 250 milioni di coni l’ anno per tutta la nazione .

 

Spica , italiano di origine napoletana , inventò il “Cornetto” ossia un rivestimento interno al cono che gli impediva di rendersi fragile e mollo . Inizialmente non ci fu un grande successo ma Unilever che comprò il brevetto riuscì a rendere famoso in tutta Europa il “Cornetto”.

Anche gli animali provano emozioni come l’uomo …

Gli elefanti sono in grado di riconoscersi allo specchio , gli scimpanzè hanno personalità e le cornacchie sono ingegnose …

 

 

E’ stato applicato un segno rosso sulla fronte di un eleffante , che posto davanti ad uno specchio si è toccato con la proboscide nel punto in cui era stato segnato , confermando cosi che alcuni animali sono in grado di riconoscersi come individuo unico differente dagli altri . Fino ad ora solamente l’uomo ed altri animali come le scimmie antropomorfe , i cetacei come i delfini hanno superato questa prova  .

Immagine da : http://www.sdamy.com/images/elefante-si-riconosce-specchio.jpg

 

Le scimmie non abbandonano il corpo dei figli morti , i delfini e le lontre giocano per molto tempo assieme e questo conferma che anche gli animali provano emozioni di cui ora possiamo confermarne la presenza anche per altri esseri oltre l’ uomo  .

 

Immagine da :http://www.promiseland.it/images/news/2006/conpiccolo1.jpg

 

In alcune scimmie il tradimento avviene di nascosto senza che nessun’ altro possa accorgersene perchè essere scoperti porterebbe gravi conseguenze . Le ghiandaie in america hanno l’ abitudine di nascondere il cibo trovato , se un’ altro essere scova il nascondiglio cambiano magazzino .

 

Le cornacchie mettono le ghiande sulla strada ed aspettano che un auto , passando , le rompa per poi mangiare ed i polipi usano attrezzi per fare dei rifugi .

 

Immagine da :http://www.agraria.org/faunaselvatica/ghiandaia1.jpg

 

Si è così notato che tutti quegli animali dotati di conoscenza di sè e degli altri discendono da una vita sociale molto complessa , aiutano membri dello stesso gruppo e formano comunità unite che collaborano per procurarsi cibo .

Voyager Golden Record

Si tratta di un disco , placcato in oro , inserito nelle due sonde spaziali Voyager  nel 1977.

 

 

Questo progetto è stato realizzato al fine di grantire una comunicazione con qualche forma di vita extra terresre , anche se questa missione assume un carattere simbolico , perchè la possibilità di trovare nuove vorme di vita è molto bassa e comunque la prima stella sarà raggiunta in circa 40mila anni a circa 1,7 anni luce dalla Terra  .

 

 

All interno del disco , placcato in oro, sono state inserite 115 immagini e molti suoni naturali , come il canto degli uccelli , le onde del mare , i fulmini … Ma anche un messaggio di benvenuto ripetuto in 55 lingue sia antiche come accadico , greco , latino ed attuali come inglese , italiano , cinese , russo , francese etc…

Vi è inoltre un messaggio del ex presidente Jimmy Carter :

 

« Questo è un regalo di un piccolo e distante pianeta, un frammento dei nostri suoni, della nostra scienza, delle nostre immagini, della nostra musica, dei nostri pensieri e sentimenti. Stiamo cercando di sopravvivere ai nostri tempi, cosi’ da poter vivere fino ai vostri. »

 

 

Come siamo in profondità…

Più cellule costituiscono un tessuto e più tessuti costituiscono gli organi senza i quali l’ uomo non vivrebbe . Le cellule sono quindi la parte fondamentale del nostro scorpo , un mattoncino di cui non possiamo fare a meno .

 

Ogni cellula è paragonabile ad una città :

 

 

MEMBRANA : può essere paragonata alle mura della nostra città ed essere nominata in vari modi , membrana cellulare , membrana plasmatica e membrana citoplasmatica , si occcupa di dividere la cellula dal esterno , è costituita da un doppio strato di fosfolipidi che le garantiscono una resistenza all’ acqua diventando così idrofilica . Fortunatamente il nostro muro è dotato di porte che permettono l’entrata delle sostanze nutritive .

 

 

NUCLEO: è la residenza del re , il castello , anche esso protetto da un doppio stato di fosfolipidi per difendere il DNA .

 

 

DNA: è il re , la massima autorità ma non esce mai dalla propria casa , il nucleo , per evitare danneggiamenti che ucciderebbero la cellula o la trasformerebbero in tumore .

 

CITOPLASMA: è tutto cio che sta all’ esterno del nucleo ma dentro la mambrana .

 

RETICOLO ENDOPLASMATICO : è la fabbrica della nostra città , può essere ruvido ( perchè dotato di ribosomi , produce proteine) o liscio ( produce lipidi ).

 

 

APPARATO DI GOLGI : è il magazzino , si occupa quindi di immagazzinare le sostanze prodotte dai reticoli .

 

 

MITOCONDRI : sono le centrali che si occupano di produrre energia , ed il loro numero varia in base alla dimensione della cellula .

 

LISOSOMI : sono gli operatori ecologici dele nostra città , si occupano dello smaltimento degli organi malfunzionanti e ne reciclano i resti .

 

CITOSCHELETRO : si occupa di dare la forma alla cellula in base alla funzione che deve svolgere , neurone di forma allungata per la trasmissione di informazioni , globulo rosso a forma di disco per viaggiare nei capillari o epidermide a forma di mattone per costituire la pelle e proteggere l’ interno .

 

Ma ogni opera per rimanere in piedi necessita di una struttura solida : microbuli costituiscono le travi sulle quali si regge l’ intero rivestimento ossia la mambrana cellulare il tutto unito attraverso i microfilamenti .

La meravigliosa Nebulosa Farfalla

Attualmente la Nebulosa Farfalla o Nebulosa Planetaria Bipolare è visibile presso la costellazione dello Scorpione e nella sua categoria è fra le più belle e sconosciute.

 

 

E’ caratterizzata da due lobi primari che le danno una forma simile a quella di una farfalla  e deriva dalla perdita di materiale di una stella progenite .

 

E’ orientata con un angolo di 12,8° contro lo sfondo rispetto alla linea di vista , possiede una declinazione meridionale e quindi è poco osservabile dalle regioni abitate dell’ emisfero boreale .

 

 

La Nebulosa Farfalla è visibile quindi dall’ Europa , gli Stati Uniti e il centro Asia .

La banda di polveri che corre tutt’attorno alla nebulosa è molto complessa e presenta tracce di silicati cristallini , carbonati extrasolari , acqua ghiacciata e quarzo .

 

La ricchezza di carbonio e ossigeno denota quindi che il transito da stalla ricca di ossigeno a stella ricca di carbonio è appena iniziato .

Andiamo avanti con gli scavi

Se la terra fosse paragonabile ad un pallone , noi avremo scavato solamente la vernice , circa 0,2 mm.

 

 

L’ interno della Terra è ancora in gran parte un mistero , la massima profondità raggiunta è di 12 km e altri pozzi hanno raggiunto i 10 km ma attualmente sono molte le difficoltà che ci impediscono di proseguire in profondità .

 

Attualmente abbiamo percorso negli scavi solo lo 0,2% della distanza al centro della terra ( 12 km su 6,300 km ) ma i tentativi continuano , come il Giappone che tenta di perforare la crosta terrestre per portare alla luce campioni di mantello da analizzare e studiare .

 

 

Un altro progetto è quello di scoprine sino a quali profondità può instaurasi la vita , in Sud Africa sono stati scoperti organismi viventi sino a 4000 m di profondità. Conoscere i segreti della resistenza a quelle profondità potrebbe aiutare l’uomo nel ideare nuove biotecnologie .

 

 

Ad oggi per conoscere cosa accade oltre i 15 km si sfruttano le onde sismiche che si modificano in base alla costituzione del terreno che incontrano , ma con questo metodo i risultati sono troppo generici .

 

Se in futuro si trovasse un metodo per sfruttare il calore ( 5000°C ) del centro della terra avremo una fonte inesauribile e pulita di energia .

 

 

Estrarre minerali dagli asteroidi

Oro , platino e ferro sono solamente alcuni dei minerali che compongono gli asteroidi oltre ad altre numerose sostanze .

 

 

Sono più di 9000 gli asteroidi che ruotano attorno alla Terra e la dimensione di alcuni supera i 150 metri , altri contengono più platino di tutto quello utilizzato dall’ essere umano in un anno.

 

 

Molti scenziati sostengono che estrarre questi minerali sia possibile ed importanate . Il metodo più sicuro prevede di utilizzare telescopi spaziali per identificare gli asteroidi da sfruttare , lanciare nello spazio veicoli in grado di fornire una mappatura dei corpi che ruotano attorno alla Terra ed in fine mandare delle trivelle che riportino il materiale in totale sicurezza . Questo metodo è ancora in fase di progettazione poiche 1 miliardo di dollari dovrebbe permetterci di ottenere 30 grammi di materiale .

 

 

Chi sta finanziando le prime ricerche ?

La Planetary Resources fondata dai creatori di Google e il regista James Cameron si prepara alla caccia di minerali nello spazio .